CAMPAGNA DI SCAVO 2015

Allumiere di Monteleo

(Monterotondo Marittimo, GR)

VIII campagna di scavo

21 Settembre- 30 Ottobre 2015

I turno 21 settembre - 9 ottobre

II turno 12 ottobre - 30 ottobre

L' Allume

Con il termine allume sono state indicate sin dall’antichità ,anche in modo improprio, una serie di sostanze saline astringenti e mordenti, che per le loro proprietà venivano utilizzate in modo preponderante nella lavorazione dei tessuti e delle pelli.

L’allume propriamente detto (quello a cui oggi facciamo riferimento) appare invece chimicamente come un solfato doppio d’alluminio e potassio [ KAl(SO4)2. 12H2O ] e viene ricavato principalmente, come nel caso dell’impianto di Monteleo, da un minerale chiamato alunite (o “pietra alluminosa”) [  KAl3(SO4)2(OH)6 ] .

Montieri (GR)

Le Colline Metallifere grossetane ed il comprensorio montierino in particolare, sono state più volte opportunamente definite un “territorio laboratorio”, poiché racchiudono al proprio interno caratteri peculiarissimi che le rendono un’area di analisi ottimale per lo studio delle tecnologie estrattive e metallurgiche di epoca pre-industriale. La sostanziale conservazione del paesaggio e la sua scarsa antropizzazione hanno determinato nei fatti il preservarsi di numerose testimonianze delle attività estrattive e metallurgiche antiche; accanto a queste, come noto, il territorio mostra importanti testimonianze della più recente storia mineraria.

Monterotondo Marittimo (GR)

Il paesaggio minerario delle Colline Metallifere grossetane è da lungo tempo al centro degli interessi di ricerca dell’insegnamento di Archeologia Medievale dell’Università di Siena.

Sotto la guida di Riccardo Francovich sin dalla metà degli anni ‘80 hanno preso avvio numerosi progetti di scavo e di archeologia del paesaggio, il cui principale obiettivo è stato quello di studiare il rapporto esistente fra le forme dell’insediamento antropico e la presenza di risorse minerarie sfruttate attraverso i secoli.

LTTM - Università degli studi di Siena

LANGUAGES